Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.

!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '344959302344229', { em: 'insert_email_variable,' }); fbq('track', 'PageView');

"Nel corso di vicende positive e negative, entusiasmi, fervori, delusioni, un sentimento si è progressivamente imposto alla mia attenzione, affiancandosi sempre più strettamente allo studio ed all’insegnamento, consacrandosi anche come preziosa componente del rapporto didattico: il sentimento dell’Amicizia.”
Luigi Castagnola, 1982
Addio e grazie di tutto Gigi

Alle 17 di sabato 19 febbraio 2005, dopo una lunga malattia, all’età di 88 anni, si è serenamente spento Luigi Castagnola, fondatore e presidente onorario degli Amici di Brugg. Con la sua scomparsa perdiamo l’ultimo esponente di una delle più prestigiose scuole europee, quella di Zurigo, che tanto ha dato all’odontoiatria mondiale.

Luigi Castagnola nasce a Lugano il 2 dicembre 1917 e compiuti gli studi universitari a Ginevra ed a Zurigo e, conseguito nel 1943 il diploma federale di Medico dentista, viene assunto dal Prof. Walter Hess come assistente nel reparto Konservativ Abteilung del Zahnaertzliches Institut di Zurigo. Nel 1947 viene nominato Primo aiuto di Hess ed entra in contatto con molti dentisti stranieri che visitano il suo reparto, creando e rafforzando legami di amicizia con Odontoiatri non solo europei ma anche di altri continenti. Fra i suoi amici mi piace ricordare Alfred Gysi,Steiger,Beat Muller, Charles Bonsack, Andrè Marmasse, Henry Lentulo, Silvio Palazzi, Oscar Maisto oltre ai “mostri sacri” dell’Odontoiatria tedesca quali Euler, Rebel, Korkhaus, Kantoroviz, Balters etc.

Le ore trascorse accanto a lui volavano via veloci con i racconti dei suoi rapporti con questi personaggi ed avevo la sensazione di ascoltare dei capitoli inediti di storia dell’odontoiatria tra l’aneddotico e lo scientifico. La sua cultura scientifica era veramente smisurata ma essenziale e rispondeva ai rigidi requisiti scientifici del suo Maestro Hess ed i risultati delle sue ricerche si compendiarono in sei libri ed in 200 pubblicazioni in varie lingue.

Dopo il conseguimento (1953) della libera docenza in Odontoiatria conservativa, Endodonzia, Istologia, Istopatologia dentale e Morfologia dentale il Dr.Castagnola viene insignito del titolo di Professore (1967) dedicandosi in special modo alla ricerca nel campo dei materiali dentari. La sua notorietà travalicò ben presto i confini della Svizzera e gli giunsero inviti da quasi tutti i paesi d’Europa e trascorse anche lunghi periodi in America Latina specialmente in Argentina, Uruguay e Brasile.
Gli “Amici di Brugg”

L’impatto con la realtà odontoiatrica italiana fu alquanto singolare, nel 1945 tramite il Dr Franco Daglio che era un medico italiano internato militare in Svizzera ebbe modo di conoscere il Dr. Augusto Biaggi con cui cominciò a collaborare nello studio di Brugg. All’epoca Biaggi era considerato tra i migliori protesisti europei ed ospitava nel suo studio molti dentisti stranieri che venivano ad apprendere nuove metodiche e la Svizzera, indenne dalla catastrofe bellica, era la meta ideale per la ripresa della normale attività professionale.

Nello studio di Brugg predominavano gli italiani che,per il vuoto creato dagli eventi bellici, trascorrevano periodi di aggiornamento anche facilitati dal fatto che Biaggi e Castagnola, essendo Ticinesi, erano di madre lingua italiana; tra i primi frequentatori ricordo Eugenio Peduzzi di Milano, Elia Giorgetti di Grosseto, Amerigo Colombo di Como, Armando Vergnano di Chieri, Giancarlo Chiarini di Genova, Carlo De Chiesa di Saluzzo, Mario Fonzar di Udine, Giuseppe Cozzani di La Spezia, Riccardo Garberoglio di Asti e tanti altri ancora che hanno contribuito alla rinascita dell’odontoiatria italiana post-bellica.

Il rapporto di amicizia che si era creato pose le condizioni per la costituzione, nel 1958, dell’Associazione Italo-Svizzera “Amici di Brugg” e per il primo convegno avvenuto a Milano il 15 maggio 1958. Questo incontro, sotto la guida di Biaggi e Castagnola, segnò un evento epocale nell’odontoiatria italiana ed il consenso dei dentisti fu totale consentendo all’ associazione di estendersi a macchia d’olio diventando scuola e voce di una odontoiatria reale e scientificamente corretta.

Almeno tre generazioni di dentisti si sono formati a questa scuola e se oggi la nostra odontoiatria comincia ad avere dei consensi cerchiamo di ricordare da dove siamo partiti e rendiamo onore a chi tanto ci ha dato senza pretendere nulla al di fuori dell’amicizia. L’onda lunga degli Amici di Brugg raggiungerà di nuovo Rimini con il 48° congresso e già ora avverto il piacere di quell’incontro e quella tensione ideale uguale a quella che provai allorché partecipai per la prima volta nel lontano 1968 a Saint Vincent anche se questa volta avvertirò la struggente nostalgia di una persona indimenticabile.
La “Fondazione Prof. Luigi Castagnola”

Quest’anno ricorre il ventennale della “Fondazione Luigi Castagnola” costituita il 20 marzo 1985 a Pistoia sotto la mia presidenza. Vale la pena di ricordare perché è sorta questa Fondazione, che conserva il meglio della cultura odontoiatrica mitteleuropea sia sotto forma di biblioteca, che di raccolta di materiale scientifico.

Il Prof. Luigi Castagnola, disponeva, oltre alla propria produzione scientifica, del materiale lasciatogli dai Prof. Otto Walkhoff, Walter Hess e Alfred Gysi. Lascio al Prof. Castagnola il racconto di questa raccolta (“Il Professore racconta”, 1990, Bollettino della Fondazione): “Nel 1954 il Prof. Hess lasciò con molta amarezza la Clinica Odontoiatrica e l’insegnamento per il comportamento poco adeguato di qualche suo collega portandosi via gran parte del suo materiale scientifico e didattico insieme a quello ricevuto anni prima dal suo collega ed amico Prof. Otto Walkhoff. Pochi anni dopo il Prof Hess mi consegnò, in segno di stima e riconoscenza, tutto questo materiale scientifico oltre ai suoi libri ed a quelli avuti da altri importanti personaggi dell’epoca. Il mio studio ed il mio appartamento ospitarono dunque libri, riviste odontoiatriche, preparati istologici, diapositive, lastre fotografiche di preparati istologici, tabelle, schizzi e disegni. Successivamente ricevetti in regalo dal Prof. Alfred Gysi moltissimi dei suoi disegni e delle sue lastre in vetro di argomento istologico. Anni fa ebbi occasione di conoscere il Dr. Nicola Perrini che si interessava di istologia dentale, diventammo amici e durante i suoi numerosi viaggi a Zurigo (quando ci incontravamo il tempo passava velocissimo e si facevano le ore piccole) maturò l’idea di raggruppare, classificare ed ordinare presso di lui tutto il materiale scientifico e storico del cui valore ero ben conscio. Il materiale fu trasportato gradualmente da Zurigo a Pistoia dove il Dr. Perrini, con pazienza e dedizione, provvedette a restaurare ed ordinare il tutto restituendolo al primitivo splendore.”

A seguito di questa donazione pensai di costituire a Pistoia la Fondazione Castagnola, sia per onorare il Maestro, già benemerito dell’odontoiatria italiana, che per far conoscere e valorizzare il grande apporto che veniva dalla cultura odontoiatrica svizzera. Per questo la Fondazione ha provveduto alla ristampa degli Studi di Morfologia Endodontica di W.Hess, del primo Atlante di Istologia Dentaria di A.Gysi, dell’Atlante di Conservativa di Preiswerk ed altre opere simili. Inoltre dal 1985 ad oggi ha organizzato, grazie alla sponsorizzazione della Dental Trey di Forlì, 40 corsi di aggiornamento gratuiti svolti da relatori scelti tra i più importanti cultori italiani e stranieri delle diverse specialità con la partecipazione complessiva di oltre 50.000 odontoiatri italiani. Con il 40° corso della Fondazione viene a chiudersi un ventenniocaratterizzato dal generale consenso degli Odontoiatri Italiani verso questaIstituzione, consenso espresso da numeri importanti: basti pensare chenell'ultimo incontro al Palacongressi di Rimini erano presenti 1600 odontoiatri e 600 tra igienisti ed assistenti di studio.

Con Luigi Castagnola ho assunto un impegno morale, impegno che rappresenta l’essenza della mia ultima lettera al Maestro: “Il grande successo che ha fatto di questa istituzione un punto di riferimento per i dentisti italiani è dovuto in primo luogo alla serietà ed alla correttezza con la quale ho sempre operato ,sia pure tra mille difficoltà, ma soprattutto alla pulizia morale che mi hai inculcato in questi bellissimi anni in cui ho potuto godere della tua amicizia e stima e che cerco sempre di mettere in atto seguendo il tuo esempio. L’aver avuto la fortuna di avere incontrato una persona eccezionale come te che mi ha elargito a piene mani la sua scienza e le sue cose più care, tutto dando e poco chiedendo mi pone nella condizione di avere verso di te oltre che un debito di riconoscenza, anche un affetto filiale che mi gratifica. Sii tranquillo, il nome di Luigi Castagnola, almeno fino a che sarò io a gestire la Fondazione, sarà sempre tenuto alto e pulito oltre ogni ragionevole dubbio, questa è una promessa che ti faccio in tutta sincerità e con molto amore. Tutto il patrimonio culturale che mi hai affidato è in ottime condizioni di conservazione e non corre alcun pericolo di essere disperso o dimenticato, per me rappresenta la cosa più preziosa che custodisco.”

Gigi che la terra ti sia leggera!
Nicola Perrini

Prossimo evento

Lido di Camaiore maggio

Sponsor

Gaggiani OK

Kuraray Noritake Together OK

Media Partner

QE  Dctor OS  DM  GRIFFIN  Tecniche nuove  Tueor